La De Gasperi al tempo del COVID-19 #2

Una serie di contributi per farci compagnia in questi tempi di “reclusione forzata”.

L’AIC (Associazione Italiana Centri Culturali) ci invia un contributo per guardare a questa situazione come una occasione.

L’avventura della cultura

Stiamo vivendo un momento complicato, che rende difficile lo svolgimento della vita sociale in una cornice di normalità. La cancellazione di molti eventi promossi dalla rete dei Centri culturali associati ad AIC a causa dell’attuale emergenza ci sollecita nella comprensione del senso, del modo e del valore della nostra presenza culturale.  

Cosa viene meno per il fermarsi di  quel flusso comunicativo ed espressivo di relazioni sociali che dà vita ad un evento culturale? Cosa manca a noi e alla società se un evento culturale (da un dibattito scientifico, alla proiezione di un film, ad una serata di ascolto musicale) viene sospeso ?  La cultura per noi è strumento di ripresa della vita, come intitolava un Convegno del Centro Culturale San Carlo nel 1981  che intendeva celebrare la visita di Giovanni Paolo II all’Unesco, appuntamento storico per la cultura mondiale.  Grazie alla cultura l’uomo vive una vita veramente umana e preserva una domanda di senso e perciò una apertura al mistero, a qualcosa di più grande che rinnova sempre una possibilità aldilà di situazioni storico – sociali in atto. 
Mai come in queste circostanze appare evidente che, secondo le parole del filosofo Alain Finkelkraut, più volte ospite dei nostri centri, all’origine di ogni cultura vi è sempre un avvenimento «qualcosa che irrompe dall’esterno. Un qualcosa di imprevisto. Ed è questo il metodo supremo di conoscenza». Anche nelle sue espressioni più formali infatti la cultura non può mai perdere il legame con l’esperienza, di cui, secondo don Luigi Giussani, è una rielaborazione critica e sistematica.

Per noi la cultura è coscienza che mobilita a rintracciare l’avverarsi dell’umano e che dilata la nostra compagnia a tutto il mondo, perchè affonda le sue radici nell’esperienza del fatto cristiano che continuamente ci prende non lasciandoci in balia dei sommovimenti della storia.  Questo periodo può essere quindi un’occasione per riscoprire e approfondire modi di comunicazione e rendere più dinamico il nostro sito, la newsletter e gli altri strumenti con aggiornamenti continui riguardo a testimonianze positive di affronto dell’emergenza o a temi culturali che avremmo svolto sul territorio.
Che responsabilità abbiamo se non quella di testimoniare la novità di vita che ci prende e ci rinnova lo sguardo ogni giorno?  Questa è l’avventura della cultura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...